Per ogni info 347 69 27 261|emartino75@gmail.com

YOGA PER LA VITA: un approccio integrale

//YOGA PER LA VITA: un approccio integrale

In questo articolo esploreremo gli aspetti più profondi dello Yoga, in modo da poter praticare lo yoga per il benessere della vostra vita (non solo per il corpo).

In Occidente, lo Yoga è stato reso popolare come un esercizio fisico – una serie di posture (asana), che ha un effetto calmante, e grandi benefici per la salute. Tuttavia, questa è solo la punta di un iceberg. Possiamo dire che le posizioni sono per lo Yoga quello che l’algebra è per la Matematica – un passo fondamentale e propedeutica.

L’intero quadro è questo: lo yoga è una disciplina fisica, emozionale, mentale e spirituale, e anche un modo di vivere. Si tratta di un sistema integrato di auto-trasformazione il cui obiettivo finale è la liberazione spirituale o illuminazione, ma che può essere utilizzato anche per raggiungere altri vantaggi.

Lo yoga è una disciplina fisica, emozionale, mentale e spirituale. E ‘anche uno stile di vita.

Non c’è niente di sbagliato per chi si avvicina allo Yoga solo per i suoi benefici fisici, così come non ci sono problemi con l’apprendimento solo dell’algebra. Tuttavia, la profondità della trasformazione che si vive dipende da quanto profondamente si vuole andare nel profondodi questa scienza.

[Nota: In tutto il testo ci sono in parentesi alcuni termini tecnici in sanscrito, per i geek yoga là fuori. Oltre a questo, si tratta di un testo introduttivo, il target è quello del lettore laico e il ricercatore spirituale. È possibile saltare la prima parte, se non siete interessati alla storia.]

Breve storia di Yoga

Storia dello yoga è stata sviluppata nell’antica india, circa durante il periodo di 3300-1900 aC.

storia dell yogaPer molti secoli è stata solo una tradizione orale – e in alcuni aspetti ha continuato ad essere come tale per millenni a venire.

Il primo materiale scritto di yoga si trova nel Rig Veda, che è stato scritto tra il 1500 e il 1200 aC. D’altra parte, alcuni studiosi fanno notare che i riferimenti astronomici in quel libro indicano che deve essere stato scritto almeno in parte nel IV millennio aC.

Lo Yoga ha profondamente influenzato lo sviluppo di diversi movimenti religiosi in Asia, tra cui il buddismo (Buddha era un discepolo di due Yogi), il giainismo, il taoismo, sikhismo e Sufismo. Nel corso dei secoli, molte scuole o tipi di yoga diversi sono sviluppate. I principali sono:

  • Raja Yoga / Yoga Patanjali
  • Jnana Yoga
  • bhakti Yoga
  • Karma Yoga
  • Hatha Yoga (compresi tutti i suoi sviluppi moderni)
  • Kriya Yoga
  • Tantra Yoga (tra cui Mantra, Kundalini, Laya, Nada, e yoga Hatha)

Nel tardo 19 ° secolo, Yoga fatto la sua strada verso l’Occidente attraverso Swami Vivekananda, che ha parlato al Parlamento delle Religioni tenutasi a Chicago nel 1893. Questo suscitato un forte interesse per lo Yoga, e ha aperto le porte per molti altri maestri di visitare gli Stati Uniti e l’ Europa.

Molti livelli di Yoga

Ci sono quattro aspetti fondamentali della pratica Yoga: il corpo, il respiro, la mente e la vita. Questi livelli sono una lettura alternativa delle otto “braccia” dello Yoga, codificati da Patanjali nei suoi Yoga Sutra.

CORPO

Posture yoga (asana), insieme con la pratica di alcune chiusure del corpo (bandha) ed esercizi di purificazione (Shatkarma), ci aiutano a mantenere il nostro corpo sano, forte, flessibile, e piena di vitalità. Questo aspetto è ciò che è più comunemente noto di Yoga, ma è ben lungi dall’essere il vero aspetto di questa disciplina.

posizioni yogaAlcuni dei vantaggi generali associati alla pratica di asana sono:

  • Abbassa la pressione sanguigna
  • Abbassa i livelli di zucchero nel sangue
  • Abbassa la produzione di cortisolo (ormone dello stress)
  • Aumenta la flessibilità, la forza di base, e l’equilibrio
  • Aumenta la vitalità e l’energia
  • Aumenta il metabolismo
  • Placa l’amigdala (centro di paura e di ansia nel cervello)
  • Migliora la qualità del sonno
  • Migliora la postura
  • Migliora il sistema immunitario
  • Riduce il dolore cronico

Ogni posa ha anche particolari benefici per la salute e gli effetti terapeutici. Ad esempio, stare con i piedi in alto poggiati sulle spalle (sarvangasana) stimola la tiroide, rivitalizza le orecchie e le tonsille, e bilancia i sistemi digestivi ed endocrino.

Da un punto di vista laico, una pratica quotidiana con una buona varietà di posture yoga è una grande medicina preventiva, ricca di numerosi benefici per la salute.

Da un punto di vista spirituale, gli obiettivi delle pratiche fisiche sono:

  • Calma il tuo corpo e la mente prima della meditazione
  • Preparate il vostro corpo per la seduta immobile durante le sessioni di meditazione lunghe
  • Liberare il corpo dalla malattia, in modo che la pratica non deve essere interrotta o indebolita
  • Rendere più resistente al freddo, il caldo, la fame e il dolore, in modo che siano meno distratto, in pratica,
  • Aumenta la tua vitalità (perché andare in profonda meditazione richiede un’enorme energia)
  • Aumenta la tua durata della vita (così si può meditare di più)

In effetti, un corpo sano e forte è un’ottima fondamenta per la pratica della meditazione profonda.

D’altra parte, quando si praticano con attenzione le asana, queste sono una forma di meditazione dinamica. Per questo sarebbe necessario, spegnere la musica e le distrazioni, tenere la mente concentrata sul corpo e sul respiro, rilassarsi nelle asana, e rimanere a proprio agio nel momento presente.

RESPIRO

Il pranayama  sono esercizi di respirazione yoga.

pranayamaIl respiro e la mente sono strettamente collegati, lavorando sul respiro è possibile modificare le stati mentali, e viceversa. Inoltre, è anche molto più facile calmare il respiro che calmare la mente, perché la mente è piuttosto sottile e volatile. Così il lavoro respiro è un potente strumento per la salute fisica, il benessere emotivo, e la meditazione.

Ci sono molte tecniche di pranayama diverse, per scopi diversi. In generale, però, tutti coinvolgono una postura seduta e richiedono di respirare profondamente (di solito attraverso il naso), seguendo un modello specifico. In pranayama bisogna:

  • Utilizzare la respirazione addominale, piuttosto che la respirazione toracica
  • Rendere il nostro respiro profondo e più agevole possibile
  • Di solito rendere la nostra espirazione più lunga della inalazione, per indurre il rilassamento
  • Imparare a lavorare con ritenzione del respiro per lunghi periodi di tempo (più avanzato)

Qui di seguito sono alcune istruzioni per una semplice pratica pranayama che chiunque può fare. Io lo chiamo “Respiro quadrato“.

  • Inspirate contando 4 secondi
  • Trattenete il respiro per 4 secondi
  • Espirare per 4 secondi
  • Trattenere a polmoni vuoti per 4 secondi

Questo costituisce un ciclo. Fare 12 cicli di questo tipo, e la vostra mente sarà in uno stato diverso. Ci vogliono solo circa 4 minuti, e si può fare ovunque e in qualsiasi momento,.

In questa pratica, l’ inspirazione e  l’espirazione dovrebbero essere fatte attraverso il naso, ed essere il più profonde, anche silenziose se possibile. Se 4 secondi è troppo difficile, si può fare 3 secondi; se è troppo facile, è possibile aumentare il numero a 5 o più.

Da un punto di vista “laico”, l’obiettivo del pranayama è quello di ossigenare il sangue, regolare le proprie emozioni, calmare il sistema nervoso, e rafforzare il cervello razionale (corteccia prefrontale). Tra le altre cose, pranayama ha dimostrato di contribuire a recuperare da disturbo post traumatico da stress.

Da un punto di vista spirituale, gli obiettivi di pranayama sono:

  • Pacificare la mente, il che rende calmo, concentrato e introverso (pratyahara);
  • Aumentare la durata della vita e la salute;

Nelle tradizioni di Kundalini Yoga, Kriya Yoga e Tantra Yoga si usa: per purificare le nadi, equilibrare le energie vitali di prana e apana, rendere il flusso di prana attraverso il canale centrale (sushumna) e risvegliare la Kundalini. Per questi scopi, pranayama è accompagnato da VISUALIZZAZIONI specifiche, mantra, chiusure (bandha) e altri processi di yoga (tutti troppo tecnici per essere spiegati in questo breve articolo).

MENTE

Obiettivo importante dello Yoga è in realtà la meditazione, non le posture. Tutte le pratiche yoga esistono per preparare a meditare in modo efficace, e per sostenere la pratica della meditazione. Quando c’è la quiete e la facilità nel corpo (asana), e uniformità nel respiro (pranayama), la mente è in una posizione molto migliore per meditare correttamente.

Come potete immaginare, ci sono molti metodi di meditazione Yoga. I più tipici sono:

meditazione yogaMeditare attraverso i Chakra. Questo significa focalizzare la mente su uno dei sette centri energetici principali del corpo, chiamati chakra. Questa attenzione è di solito accompagnata con visualizzazioni o mantra specifici.

La meditazione con i Mantra. Chiamato anche japa, in questa meditazione lo yogi continua a ripetere una parola sacra durante l’intera sessione, mentre allo stesso tempo concentrandosi su una particolare sensazione relative a quella parola. Esempi di mantra sono OM, So-Ham, Ram, e Om Namah Shivaya.

Trataka. Si tratta di fissare lo sguardo su un oggetto esterno, tipicamente una candela, un’immagine o un simbolo (yantras). E’ fatto con gli occhi aperti, e poi con gli occhi chiusi, aiuta a sviluppare sia i poteri di concentrazione e di visualizzazione della mente. Dopo aver chiuso gli occhi, si dovrebbe comunque mantenere l’immagine dell’oggetto nel vostro “occhio della mente”.

Le tecniche variano anche a seconda della tradizione yogica. Nel Tantra Yoga c’è una grande varietà di meditazioni che coinvolgono la visualizzazione e l’energia. Nel Bhakti Yoga, Dio è l’oggetto della concentrazione. In Jnana Yoga, è l’assoluta consapevolezza o pura.

In generale, la tradizione yogica ha grande flessibilità per quanto riguarda i metodi di meditazione. Si dice che lo yogi può riflettere “su quello che egli / ella preferisce”. L’approccio generale, però, è sempre la concentrazione di meditazione.

Dal punto di vista laico, lo scopo della pratica della meditazione è quello di migliorare la salute, il benessere e le prestazioni.

Dal punto di vista spirituale, gli obiettivi di meditazione sono a

  • Purificare la mente dalle emozioni negative e pensieri;
  • Liberarsi dalle convinzioni limitanti e identificazioni;
  • Raggiungere lo stato superconscio di Samadhi, che è lo stato più alto di Yoga;
  • Realizzare definitiva realizzazione / illuminazione / liberazione, che è anche chiamato auto-conoscenza o unione con Dio, a seconda delle metafisica filosofica dietro ogni stile di Yoga.

STILE DI VITA

Praticare Yoga come un modo di vita o di una pratica spirituale seria, ci invita a integrare i suoi valori fondamentali nelle nostre attività quotidiane. Ciò supporta i nostri obiettivi di pratica, siano essi secolari o spirituali.

Ecco i 10 principi di vita di Yoga. Questi principi non sono imposti. Piuttosto, il loro valore deve essere scoperto da ogni persona singolarmente, nella propria pratica e nella vita.

Cinque principi (yama)

La nonviolenza (ahimsa).
Non causare danni ad altri esseri o per noi stessi attraverso il nostro corpo, parole e pensieri. virtù correlati: la compassione, la gentilezza, la modestia, l’amore.

Verità (satya).
Non si parla menzogna. coinvolge anche essere sinceri con voi stessi e sinceri nei vostri rapporti. virtù correlati: l’onestà, l’integrità, la sincerità, affidabilità.

Non rubare (asteya).
Non prendere ciò che non è dato. virtù correlati: correttezza, rispetto.

Continenza (brahmacharya).
Per monaci e asceti (che ha inventato lo Yoga), questo significa che il celibato. Per “yogi City”, significa non ossessionato da sesso, e anche di essere responsabile in quelle relazioni sessuali. virtù correlati: autocontrollo, la moderazione, soddisfazione.

Non possessività (aparigraha).
Non essendo attaccato alle cose, e vivere una vita semplice. Significa anche coltivare una mente libera da avidità e desiderio. virtù correlati: non attaccamento, contentezza, la semplicità.

Cinque Discipline (niyama)

Purezza (Saucha).
Mantenere il corpo pulito, e la mente libera di emozioni negative e modelli di pensiero.

Contentment (Santosha).
Coltivare un atteggiamento di accettazione. Essere allegri e soddisfatti, qui e ora, indipendentemente dalle circostanze esterne.

Autodisciplina (tapas).
Pratica intensiva che si estende i propri limiti e crea trasformazione interiore. “Tapas” significa letteralmente di calore.

Auto osservazione (Swadhyaya).
Introspezione e auto-riflessione. E ‘lo studio di se stessi, dei propri modelli di comportamento e le intenzioni. Significa anche studio dei testi yoga.

Abbandono (Ishvara-pranidhana).
Arrendersi a una realtà suprema. Per alcuni questo significa fede in Dio; per altri è arrendersi nella fonte di essere, il Sé o consapevolezza.

All’inizio questi principi possono essere percepiti come una limitazione o un sacrificio. Ma come si procede nella vostra pratica, si vede che sono le linee guida intelligenti per aiutarvi a prendere le decisioni migliori in ogni circostanza, sia per se stessi e per coloro che vi circondano.

Con il tempo di cominceremo a vedere che ogni volta che non si seguono queste linee guida, sperimenteremo una sorta di guai di conseguenza.

Yoga per la vita

Yoga può dare molto di più di un corpo flessibile. Se si è pronti ad andare in profondità, si trova un sistema di pratiche che possono aiutare a raggiungere la padronanza su se stessi e grande trasformazione interiore. Questo è lo yoga per la vita!

Questo significa che se 30 persone si iscrivono, darò via 30 copie gratuite per le persone che hanno bisogno di questo corso, ma non posso permettermelo. Se stavi aspettando l’occasione perfetta per unire, ora è la tua occasione per beneficiare se stessi e anche qualcun altro che ha bisogno di meditazione nella loro vita.

2017-07-05T14:38:30+00:000 Comments
Usa WhatsApp