Per ogni info 347 69 27 261|emartino75@gmail.com

L’asthanga vinyasa yoga consigli per una buona pratica

//L’asthanga vinyasa yoga consigli per una buona pratica

Ashtanga Yoga – Consigli per una buona pratica

Pratica a stomaco vuoto

Attendere almeno 3 o 4 ore dopo un pasto prima di praticare lo yoga. L’acqua o tisane possono essere prese in piccole quantità prima di una sessione, se necessario. Non bere acqua durante o subito dopo una sessione. Attendere almeno 30 minuti.



Intestino e la vescica vuota prima di una sessione.

Il saluto al sole, in piedi pose e posizioni capovolte aiuterà l’evacuazione delle viscere e migliorerà la funzione dell’intestino. Un giorno di digiuno è consigliato quando si soffre di influenza, raffreddore o indigestione. Il digiuno rende il corpo più flessibile. Mangiare troppo è un ostacolo per la corretta pratica di asana e pranayama.asthanga-yoga-prima-serie

Si prega di venire in classe indossando vestiti puliti

Pulizia (Saucha) fa parte delle otto parti dello yoga. Si illumina anche l’ ottusità mentale, calma irrequietezza e rende più piacevole la pratica.

Abbigliamento deve essere confortevole ed elastico.

Pantaloncini, T-shirt, leggings sono consigliati perché mostrano l’esatta posizione del corpo che deve essere libero da collane, orologi, anelli ecc Non indossare i calzini durante la sessione, ma se vi piace si possono indossare per la sessione di rilassamento.

Essere pronti a sudare copiosamente.

Massaggiare il sudore nel corpo invece di rimuoverlo con un asciugamano. Non bere durante la sessione. Se la gola è secca un sorso d’acqua è sufficiente. La saliva è sufficiente per bagnare la gola. Non abbiate paura di sudare o sentirvi stanchi. Concentratevi sul respiro e nel muoversi con più consapevolezza e la stabilità nella parte inferiore dell’addome. Con la respirazione e il movimento di una nuova energia emergerà, eliminando la stanchezza, il rafforzamento del corpo e la mente.

Non forzare la postura o movimento.

Mantenere i muscoli del viso rilassati, lasciar andare di rabbia o frustrazione con il tuo corpo. Yoga è la possibilità di lavorare con le tue emozioni, piuttosto che negare o indirizzandoli verso l’esterno.

Consapevolezza del respiro è la base per la corretta pratica di asana.

Durante asana pratica la tecnica di respirazione Ujjayi. La gola deve essere rilassata e aperta, la glottide un po ‘chiusa. L’aria che entra ed esce produrrà un suono; la qualità del respiro della tecnica Ujjayi deve essere morbida, profonda e forte. La respirazione è completa quando i polmoni sono vuoto o pieno. Un espirazione profonda finirà sotto l’ombelico. Una profonda inspirazione espanderà la schiena, la zona lombare, diaframma e torace, riempiendo la zona del cuore.OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Drishti è il punto di rimirare che è importante in Ashtanga Yoga.

L’attenzione sul respiro è strettamente connessa con la direzione gli occhi guardano in. In ogni posizione e durante il movimento tra una posizione e l’altra c’è un luogo specifico a guardare. Spesso lo sguardo è diretto alla punta del naso, tra le sopracciglia, al ombelico, le punte delle dita, piedi, in avanti o lateralmente. Dopo alcuni anni di pratica, lo sguardo dà equilibrio e ha un effetto rilassante sulla mente e il corpo. Si apre il Sushumna Nadi (il canale energia primaria). L’uso del punto rimirare deve essere affrontata in modo rilassato per evitare mal di testa.

Durante la pratica fare uso attento di Mula Bandha (Blocco pavimento pelvico) e Uddiyana Bandha (Blocco addominale).

Mula Bandha è la contrazione dell’ano che comprende la contrazione del perineo e il pavimento pelvico. Uddiyana Bandha è la contrazione del basso addome verso la colonna vertebrale impegnata disegnando radice del ombelico verso i reni. Questo impedisce gli organi addominali di cadere verso il basso e consente la piena espansione del diaframma. Questi Bandhas (serrature) sono la base di asana e pranayama, anche se la padronanza richiede anni di pratica.

Vinyasa

La sincronizzazione del respiro e movimento tra le posizioni è importante ed è una parte fondamentale della pratica. Il modo in cui si entra e lascia una posizione fa parte del modulo. La respirazione è sempre accuratamente sincronizzato con il movimento, così come lo sguardo.

C’è logica nell’ordine delle asana.

Vinyasa significa movimento sincronizzato con la respirazione. La respirazione è il cuore di questa disciplina e collega un asana all’altro in un ordine ben preciso. Ogni postura o gruppo di posture ha un effetto particolare che può essere bilanciata da un’altra postura o gruppo di posture. Ciò è essenziale per accumulare gli effetti benefici delle asana e proteggere e bilanciare il corpo e la mente. Se si utilizza il Vinyasa, la malattia diventa il progresso raro e rapida nella pratica è fatto.

Nel metodo Vinyasa insegnato da Sri K. Pattabhi Jois, le posture sono combinati in serie che variano in difficoltà ed effetto. La prima serie è terapeutico e corregge l’equilibrio tra mente e corpo. La serie intermedia continua questo, ma va più in profondità, aprendo la nadi o canali nervosi che sono simili nel concetto ai meridiani di agopuntura. La serie avanzata funziona ancora più in profondità, aumentando la stabilità, la forza, l’equilibrio e la flessibilità del corpo e della mente.



La fase di rilassamento finale è molto importante ed è la possibilità di entrare in uno stato meditativo. Senza  relax si può essere stanco e irritabile.

C’è un giorno alla settimana di riposo dalla pratica. Durante il periodo di donne mestruazioni dovrebbe poggiare i primi tre giorni e non assumere posizioni invertite.

Ashtanga significa otto arti e si riferisce agli otto aspetti dello yoga praticato e spiegato in Yoga Sutra di Patanjali (300-250 aC).

 

2017-07-05T14:38:30+00:000 Comments

Share This Story, Choose Your Platform!

Toggle Sliding Bar Area
Usa WhatsApp